domenica 24 gennaio 2016

Per un arte democratica.



Adesso tutti potranno permettersi la fotografia di una patata senza dover spendere un milione di euro.La mia fotografia costa infatti solo 1 euro di qualsiasi dimensione sia e, naturalmente, firmata. Che cos'è che fa una grande opera?  Un grande capolavoro? E un gesto verso gli altri cos'è ?

mercoledì 14 ottobre 2015

mercoledì 3 giugno 2015

Ferdinando Scianna e l'agonia della fotografia.





Leggo un recente articolo sulla rivista online DOPPIOZERO in cui il buon Scianna ci parla di una lenta agonia della fotografia.

Crisi ? Agonia ? Quale ?
Non possiamo parlare di crisi della fotografia se non determiniamo con esattezza cosa significa la parola crisi.
Ogni volta che il mondo cambia ci sono funerali.Veri e fittizi.
Ci fu quello della pittura al nascere della fotografia.Quello della fotografia al nascere del cinema.Ci fu il funerale della carta al nascere del PC.L'ultimo, quello dei libri al nascere di internet.E molti altri.
La fotografia in quanto ambito professionale di lavoro, nei diversi settori, è inserita in un sistema economico e sociale che oggi, soffrendo, non risparmia nessuno.La fotografia ne è colpita in quanto professione.Se guardiamo infatti il settore non professionale troviamo un entusiasmo ed una energia insieme al numero dei praticanti che non si era visto dagli anni '70 in poi.Quindi mi piacerebbe chiedere a Scianna a quale tipo di crisi e agonia si riferisce nel suo articolo.
Se molti professionisti non vendono più come prima o non hanno più la quantità di committenza che hanno avuto in passato questo ha a che fare con un sistema sociale ed economico che è in tilt.
Non è certo perchè la fotografia non ha più nulla da dire.Quando ci fu l'avanzata delle reflex a scapito del banco ottico, nessuno parlava di crisi della fotografia.Proviamo a guardare un altro settore, quello della musica,dei musicisti e dei dischi.Vi sembra che la musica sia in crisi ?
Ad essere in fortissimo cambiamento è il sistema di produzione e diffusione che viene fatto in altro modo.Se c'è crisi è una crisi economica del sistema che gira intorno alla musica ma non è la musica.
Penso sia giusto parlare di agonia se scomparisse il fotografo,il musicista,lo scrittore e non quando,invece, è tutto quello che sta intorno a cambiare ed evolversi in maniera diversa.In questo caso è necessario rivedere la maniera di pensare la professione del fotografo, in tutti i suoi aspetti, ma non ripensare la fotografia, essa infatti, si evolverà in maniera autonoma come ha fatto fin'ora.
La fotografia che si vende nelle gallerie o esposta nei musei credo sia molto lontana da essersi svuotata dalle sue vesti culturali, casomai possiede quel qualcosa in più che manca alla fotografia prettamente commerciale o di documentazione che rimane troppo spesso ingessata su se stessa. Mi scuserà il buon Scianna se lo affermo con forza, ma il mondo dell'arte è un po' più complesso (pur avendo i suoi lati negativi) di quello dei fotoreporter e non è certo cercando di fare il “salto” verso le gallerie che ci si può salvare. Intento dire che in molti ci tentano senza mai aver conosciuto da vicino quel mondo ma, il più delle volte, si rivela un salto nel buio.Magari fosse così facile.E poi, ritornando sui propri passi cominciano a denigrare il mondo della fotografia fine art e delle gallerie come un qualcosa di inutile, di “svuotato” oppure qualcosa di snob fine a se stesso. Riguardando la storia dell'arte degli ultimi 100 anni, ci penserei un attimino prima di fare questo tipo di affermazioni.